martedì 27 settembre 2011

8 - Frammenti di diario

"Ore 14.14 - a casa
Rifletto e ripenso.
"Questo è il voto" e mi gira il registro "...a crescere è, capito? Il motivo te l'ho detto ieri".
Ieri mi ha detto "...chi sceglie la salute mentale e/o la psichiatria è più intelligente rispetto a chi sceglie altre professioni sanitarie" e mi guarda, "tu ne sai e spesso, ora non parlo di te, è troppo presuntuoso. Devi sapere tutti i settori, capisci? Ti ho vista e sentita durante l'anno, sai fare". E dire che io, invece, a lei, in aula, l'ho vista poco. La nostra relazione si è intensificata da quando ho iniziato a farle da "segretaria", mansione alla quale vorrei tranquillamente rinunciare quest'anno, ma non mi pare abbia scelta. Cercherò di fare lo stretto necessario e non di sbattermi come ho fatto l'anno appena passato. Se sapesse davvero i sacrifici che ho fatto per portare avanti tutto...
Vorrei ammazzarmi per non aver concluso l'anno in maniera decente. Volevo il massimo dal Tirocinio, mi sono impegnata, ho studiato e approfondito, non ho fatto un secondo di assenza, ...ed eccolo lì, un misero 28. 
Non capisco perché non riesco a rendere.
Vero, non sapevo TUTTI i settori, ero e sono deficitaria nella disabilità fisica, ma è questo il motivo??? 
Non capisco il criterio con cui ha distribuito i voti...
Ci sono tante cose che non capisco...
Capisco invece cosa si possa provare quando un voto pregiudica la vita.
Se la docente è così tanto intelligente come dice di essere (perché lei sta nella salute mentale), dovrebbe aver capito dai miei occhi cosa ho pensato quando mi ha fatto vedere il voto dopo averlo scritto nel registro, lanciandomi la penna per farmi firmare, in un'atmosfera di silenzio assoluto: tanto oggi non potevo più far nulla, era già tutto deciso. Io ero catatonica,  guardavo ma non vedevo, ero lì ma non ero presente. Per quel che mi riguarda potrei aver messo una X al posto della firma.
E così ho finito il primo anno. Ce l'ho fatta. Nessun esame in arretrato.
Da lunedì inizia il secondo anno.
Da lunedì devo pensare di più a Veronica e di meno agli altri."

martedì 20 settembre 2011

Esami finali

Questa mattina ho sostenuto l'esame di Statistica Medica.
Non dico altro.
Entro il 22 settembre, cioè dopo domani, cioè tra un giorno, saprò il risultato.
Potrò aggiungere il voto della materia al libretto o dovrò riprovarci il 9 novembre (sigh...)?
Il 23 settembre mi aspetta il famoso esame di Inglese Scientifico, il 26 settembre quello di Tirocinio.
Stay strong!

"Safe" Dinosauruxia




edit:

ore 19.31
E' con grande piacere che vi comunico il mio bel 22 di Statistica Medica. 
Lo so, non è molto, ma vi assicuro che con quella docente c'è da prendersi il voto e da fuggire a gambe levate! 

martedì 13 settembre 2011

Io e il mio inglese

...dopo aver passato qualche giorno tra lo stato catatonico-confusionale e dopo aver assunto dosi di libricina, mi appresto, la prossima settimana, a sostenere l'esame di inglese (a quello di statistica neanche ci penso, sono sicura che prima del 2013 lo passerò).
Il vero problema è che io, l'inglese, non lo parlo se non che con i miei carissimi amici...che non esistono.
Mi sono esercitata a leggere, leggere e ancora leggere.
Mi son scritta una breve presentazione e fatto un brevissimo riassunto con frasi chiave, circa la figura dell'Educatore Professionale.

Ora, c'è anche un solo essere vivente che, passando di qua, può confermarmi che, quanto scritto, si capisca? 

Ovviamente l'esame è orale, non scritto, ma vorrei far bella figura e passarlo, non importa con che voto, tanto non fa media (e tanto i miracoli non esistono).  

Presentation
My name is Veronica and I’m thirty two (years old).
I was born in *** but I live with my boyfriend in *** since six years.
I studied ragioneria and after diploma, I started work as a saleswoman and after I have always worked as an employee, but I didn’t like this work!
Two years ago I lost my last job because my contract wasn’t renewed. So, I have had unemployment year then I decided to try the test of admission to University of Medicine for a Social Educator degree.
But really, my dream is to make the psychiatrist or the artist.
In my free time, when I don’t study, I draw, I paint and I read many books, ect...

Social Educational Work
Social educational work has its historical roots in work with children and young people.
Today, social educational aid targets disabled children, adolescents and adults as well as adults at particular risk: the mentally disordered, alcohol or drug abusers, homeless people, etc…
Social education is characterized as a special strategy that contributes to the integration of the community.
A fundamental element in social educational work is to facilitate integration and prevent marginalization and social exclusion.
Social educational work is a process of social actions in relation to individuals and various groups of individuals.
The methods are multidimensional and include: care, education, intervention, treatment, development of non-exclusive life space treatment, etc… The goal is full sociability and citizenship to all.
Social education is based on United Nation Universal Declaration of Human Rights.
The social educational college programmes include both theoretical and  practical subjects and thereby become a connecting link between theory and practice.
Social educational work takes place in direct contact with children, young people and adults often over a long period of time.
The trained social educator is supposed to assist the individual person in fulfilling and meeting his or her needs and targets.
Assisting person in developing to such an extended that they become able to solve their own problems.


Ora, ammesso che riuscirò a dire quanto sopra scritto, ce la farò a districarmi nel fantastico "The Uman Body"?

Inoltre, questi giorni sto guardando film in lingua inglese per apprendere la pronuncia.
Servirà?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...